Ricerca nel Blog

.......
...Ricerca nel Blog: inserire un testo chiave nella casella sottostante ed avviare la ricerca

Casella di ricerca

Note alle ricette

........................................Se non è specificato diversamente, le dosi sono per due-tre persone. Nelle note alla ricetta consigli e curiosità

mercoledì 25 luglio 2018

Pollo freddo con stufatino di lattuga

Le foglie più dure e costolute della lattuga non buttiamole, le possiamo utilizzare in tanti modi. Eccole ad ammorbidire un petto di pollo lesso. Da preparare in anticipo e tenere in frigo, insieme ad una salsetta di pomodori, un'ottima pietanza da servire nelle calde sere estive. 
Ed ecco la rimetta di uno gustoso stufatino.
La lattuga e il lattughino cucinati a stufatino
Con il pollo e pomodori sono un piatto da signori
Edi sera nell'estate ci rinfrescan le serate
Con un buon bicchier di vino 
Soprattutto frizzantino!

Pollo freddo con stufatino di lattuga
Petto di pollo circa 400 gr– foglie esterne di lattuga (o di altra insalata) – olio - limone .- sale – pepe- chiodi di garofano - pepe
per la salsetta – 5-6 pomodori tondi ben maturi – basilico – olio - sale

In un pentolino, sufficiente a contenere il petto di pollo, mettere tre dita d'acqua un paio chiodi di garofano, la parte gialla della buccia di limone ed un pizzico di sale, far bollire per qualche minuto abbassare la fiamma e adagiare il petto di pollo, coprire e far cuocere il tempo necessario per portare a cottura il petto di polo, 20-30 minuti circa a fuoco basso, controllando che resti sempre un dito di liquido (che verrà utilizzato in seguito). Quando il pollo è cotto trasferirlo in un piatto a raffreddare, filtrare il brodo (dovrebbero essere circa due tazzine da caffè). Preparare lo stufatino di lattuga: tagliare le foglie esterne della lattuga prima striscioline e poi tagliare le striscioline a quadrettini, nel pentolino dove si è cotto il pollo versare qualche cucchiaio di brodo ed uno di olio extravergine d'oliva, mescolare e far scaldare, aggiungere la lattuga, rimestare, coprire e far cuocere 5-6 minuti a fuoco medio, scoprire e terminare la cottura rimestando fino a che il liquido non sia in gran parte evaporato, salare, spegnere aggiungere un cucchiaio di olio extravergine d'oliva, lasciare il tegame scoperto. Tagliare il petto di pollo a pezzetti piccoli metterli in una ciotola ed aggiungervi pian piano il residuo brodo mescolando così da imbibire la carne per benino. Mescolare il pollo con le verdure e condire con il succo di limone. Mettere a raffreddare in frigo il pollo e le verdure e preparare la salsetta: sbollentare i pomodori per 2 minuti, passarli subito in acqua fredda, eliminare la buccia ed i semi, mettere la polpa in un colino per eliminare la residua acqua di vegetazione, quindi quando il pomodoro è ben colato tagliarlo con una mezzaluna (con il mixer azionarlo brevemente 3 o 4 volte) insieme ad un paio di foglie di basilico ed un pizzico di sale, passare in una ciotola ed emulsionare con qualche cucchiaio di olio extravergine d'oliva. Servire la pietanza di pollo fresca con la salsetta ed una bella macinata di pepe multicolore.

Nota alla ricetta
Io ho avevo della lattuga e del petto di pollo che dovevo consumare e non volevo fare, come al solito, alla piastra. Così è nata questa ricetta, però si può utilizzare anche del pollo arrosto avanzato, della carne lessa o del pesce, ed utilizzare alre verdure (scarola, indivia , cicoria, radicchio…) che con la fantasia potrete accoppiare a salsette acidule (come quella di pomodoro) o dolci preparate con frutta di stagione (pere, pesche, melone…).

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie a chi critica, suggerisce e dedica attenzione a Cresciuti a pastasciutta

Licenza Creative Commons

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia . E' consentita la libera condivisione senza modifiche e citando la fonte e l'autore. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001